Candidosi e Sindrome da lievito

Candida 4La Candida albicans è un lievito che vive nel nostro intestino: ci aiuta a digerire gli zuccheri (pasta, pane, zucchero ecc.). In seguito a periodi caratterizzati da disordini alimentari, come un’eccessiva introduzione di dolci con l’alimentazione (magari per aumento dello stress…) o all’assunzione di antibiotici, la Candida

 

prolifera in maniera abnorme tanto da riversare nel circolo sanguigno le sue tossine, scatenando la Sindrome da Lievito, caratterizzata non solo da prurito, irritazione o “perdite”, ma anche dal rallentamento della digestione, gonfiore dell’addome, stanchezza e irritabilità, difficoltà di concentrazione, dolori articolari e muscolari, aftosi, voglia smodata di dolci. Spesso la terapia anti-Candida è abbastanza lunga e complessa; l’uso di farmaci antifungini è utile, ma spesso non risolutivo.

Forse non tutti sanno che la Candida si moltiplica incessantemente quando nel nostro organismo si verifica la Disbiosi, ovvero l’alterazione dell’equilibrio della flora batterica intestinale: in pratica diminuiscono i batteri che producono la Biotina, un coenzima la cui funzione è di mantenere sotto controllo le popolazioni della Candida. Poiché la carenza di Biotina scatena la Candidosi, è importante integrarla con un’alimentazione che contenga: cavolfiore, funghi, carote, pomodori, carciofi, finocchi, spinaci, piselli secchi, mela, alici. Un consiglio: fate attenzione agli yogurt, in particolare quelli alla frutta: contengono sostanze capaci di influenzare lo sviluppo della Candidans Albicans nell’intestino.

Per sconfiggere la Candida in maniera radicale è necessario aggredirla sia rinforzando il sistema immunitario, sia riequilibrando la flora batterica intestinale (con la corretta alimentazione e, se necessario, col reimpianto di flora batterica intestinale), sia con l’Idrocolonterapia, una metodica semplice e indolore che permette, grazie al lavaggio intestinale, una rapida riduzione di questo lievito fino alla normalità con risoluzione quasi immediata dei fastidiosi sintomi locali e sistemici.

Se vuoi saperne di più scrivici o richiedi informazioni telefonando ora allo 0832.34.07.14 o al 329.722.10.52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Conferma inserendo il risultato: *